Storie sul Jyotish e sulla felicità

Storie Oroscopo Vedico

Ho potuto conoscere migliaia di vite in questi anni di consulenze e voglio condividere con te qualche storia, perchè credo ti possano essere utili.

La sindrome della gabbia planetaria

Ricordo il caso di una signora che corse a casa mia un pomeriggio, mentre stavo riposando.

Ero arrabbiato ed infastidito per essere stato disturbato, ma quando ho visto le sue lacrime e la sua richiesta di aiuto, l’ho lasciata immediatamente entrare e ho aperto subito la Carta Natale di suo figlio: stava morendo.

Vedevo che aveva la “Sindrome della Gabbia Planetaria”, una combinazione letale che stava per ucciderlo. Chiamiamo questa combinazione “Sarpa Yoga” (pattern planetario del Serpente), dove metaforicamente il serpente può strozzarti e ucciderti in gioventù.

Ho fatto velocemente a mente dei calcoli approssimativi sulla sua longevità, mentre guardavo i periodi che il bambino stava attraversando.

Il periodo era dell’8° Signore (che regna sulle malattie e i pericoli di vita), e il pianeta in questione era mal posto.

Tuttavia, ho visto la congiunzione tra la Luna (madre), che poteva distruggere questo male. E guarda caso era proprio sua madre che aveva suonato alla mia porta…

La Luna era in un doppio segno, e mostrava che avevo un 50% di possibilità di cambiare questa situazione, ed era molto in questo caso estremo.

Il bambino soffriva di una sindrome sconosciuta: c’erano solo 50 casi in tutto il mondo (più avanti nel tempo i genitori hanno capito di più su questa malattia dai medici stranieri).

I medici locali volevano lasciarlo fuori dall’ospedale e mandarlo a casa, per gli ultimi momenti con i suoi cari.

Ho scelto i rimedi per rafforzare la sua Luna, e ho istruito la madre su come eseguirli.

Mi ha chiamato pochi giorni dopo, dicendo che la temperatura del bimbo era scesa e che si stava pian piano riprendendo.

È sufficiente dirti che l’evento è accaduto nel 2002, e oggigiorno il bambino sta bene, grazie ad una madre che non si è arresa.

Dai miei anni di consulenza, ricordo moltissimi di questi eventi.

A volte, era davvero triste vedere che certi aspetti della vita non potevano essere cambiati e la persona avrebbe dovuto conviverci.

Molte volte invece ho visto clienti che ritornavano da me molti anni dopo la loro prima lettura e quelli che avevano seguito i miei consigli sono riusciti a migliorare la loro vita.

La seconda volta

Ancora adesso ricordo vividamente una signora che è venuta da me 10 anni dopo la sua lettura, dicendomi che tutti gli eventi che avevo predetto si erano manifestati esattamente nel momento che le avevo riferito. Aveva ancora con lei gli appunti che aveva scritto durante la consulenza…

La cosa più bella è stato il suo successo nel gestire la crisi matrimoniale che stava vivendo. Mi ha detto che dopo quel periodo difficile (il marito se n’era andato per 6 mesi), ha seguito i miei consigli e il matrimonio ora era salvo.

Molte volte sono stato benedetto dalle persone che ho aiutato. Non riesco a dirvi quanta beatitudine crea questo sentimento di essere utile al prossimo.

Posso dire che in quei momenti questi anni ardui si sono ripagati da soli.

Ogni anno, un uomo d’affari mi porta un dono per averlo aiutato con la sua salute. Non era consapevole dei suoi problemi di cuore e dopo averlo avvertito, è andato immediatamente a farsi controllare.

I medici erano basiti nel trovare il suo cuore così malandato e gli hanno detto che se avesse lasciato correre la cosa per altri 2 mesi, sarebbe morto di sicuro.

Ho visto situazioni simili anche nella mia famiglia. La famiglia da parte di mia madre ha cresciuto molti medici, che pensavano sempre che stessi perdendo il mio tempo e sprecando il mio talento a studiare astrologia Vedica, invece di focalizzarmi su una vera carriera.

Uno dei miei cugini, direttore di una clinica regionale, che ha subito quattro interventi al cuore (l’ultimo è stato eseguito all’estero da uno dei migliori medici europei), alla fine mi ha mostrato la sua Carta Natale.

E’ stato fortunato che il mio Maestro, Pandit Sanjay Rath, era lì con me, perché guardò la sua Carta e disse: “Zoran, guarda lo Shula dasa (periodo) che causa le morte. Questa persona morirà entro due mesi”. Stava confermando le mie preoccupazioni e notò l’ansia sul mio volto.

“Chi è questa persona?” Risposi che era il cugino di mio fratello, e chiesi se era possibile cambiare il suo destino, o in parole semplici, se la sua morte era inevitabile.

Mi rispose che a causa dell’esposizione di Guru (Giove), c’era il 20% di possibilità di sopravvivere con uno specifico rimedio, ma avrebbe dovuto chiudere immediatamente la sua attività, che lo stava letteralmente uccidendo.

Dissi subito a mio cugino il rischio che stava correndo e dopo un po’ seppi che aveva vissuto una specie di miracolo: il suo cuore era collassato ma, eseguendo i rimedi che gli aveva dato il mio Maestro, aveva ripreso il ritmo ed era tornato in forma. Oggi è vivo e in pensione (più che meritata).

Da allora ho imparato una valida lezione:

se in futuro avessi visto anche solo una minima possibilità di cambiare qualcosa nella vita degli altri, avrei fatto il possibile.

Purtroppo, a volte, anche quella piccolissima percentuale non è presente, anche usando l’Astrologia Vedica e i suoi possibili rimedi.

In questi casi sono molto triste, ma allo stesso tempo ricordo che siamo tutti esseri mortali e non Dio…

Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *